Ambrosetti non credeva in #MeToo

Anche la XYZ si avvaleva della collaborazione di un due o tre assistenti (più il figlio idiota).

Ambrosetti, proprietario della XYZ, aveva l’insopprimibile vizio di trombarsi le segretarie, soprattutto quelle giovani.

Le sceglieva con quel criterio in mente. Viviamo nell’era del #MeToo, ma ho sempre avuto l’impressione che, nella XYZ, c’era un certo accordo sul come funzionavano le cose. Di sicuro mi sbaglio, ma il fatto che quasi tutte queste giovani segretarie si siano portate a letto anche il figlio idiota di Ambrosetti, ha sempre alimentato il mio sospetto che, presso la fiduciaria di Ambrosetti, l’atteggiamento sul tema “sesso e lavoro” fosse molto diverso da quello che c’è presso la mia azienda.

Come credo di aver già accennato, Ambrosetti pagherà caro per il suo… atteggiamento libertino. Di sicuro, ne parleremo in futuro.

Come ho detto, Il figlio inetto seguiva le sue orme. Sono più che certo che il giovanotto sia stato iniziato alle gioie del sesso da una delle segretarie di Ambrosetti.

Dopo questa prima volta, un buon numero di queste ragazze si sono portate a letto il giovane Ambrosetti nella speranza di mettere le mani sul considerevole patrimonio del vecchio Ambrosetti.

Senza.

Alcuna.

Speranza.

Come le mie segretarie minori (di importanza, non di età), quelle di Ambrosetti non rimanevano molto a lungo presso la XYZ.

La maggior parte di queste ragazze ha finito per sposarsi con i clienti abbienti, ma in crisi di mezza età, della XYZ.

La cosa non dava fastidio ad Ambrosetti. Anzi. Il matrimonio o la semplice trombata aveva il vantaggio di cementare la lealtà del cliente. Fa molto medioevo, ma per la XYZ funzionava. Una specie di alleanza attraverso matrimoni. I capitali rimanevano presso la XYZ.

Ad Ambrosetti devo molto e, di sicuro, per molti aspetti della mia attività, Luigi Ambrosetti è stato il mio mentore.

Su questa faccenda delle segretarie non l’ho proprio seguito.

Il mio ufficio è piu’ tranquillo.

Praticamente un monastero.

La principale ragione dietro a tutta questa austerità è Lisa: la via Vera Segretaria.

Ogni fiduciario ha il suo criterio per scegliersi la segretaria per la vita. Chi va per la competenza, chi per il costo, chi per l’atteggiamento, la discrezione o quant’altro.

Il mio primo criterio? Deve essere Svizzera.

Ne parleremo.

© I Soldi Degli Altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.