L’arroganza senza peccato

Dovesse piacerti questo pezzo, per favore spargi la voce.

La lettera pubblicata settimana scorsa non era un invenzione.

Non l’ho scritta io.

È vera.

Non l’ho neanche riportata integralmente.

Che ci crediate o no, vi ho risparmiato parecchi passaggi.

Volevo giusto darvi un’idea e, francamente, credo di esserci riuscito. Purtroppo l’ego gli ha impedito di rileggere il messaggio e la grammatica ne ha risentito. D’altra parte quando uno è convinto di non poter sbagliare, perché perder tempo a rileggere.

A conti fatti l’arroganza dell’autore è così pura da rendere l’autore innocente.

Non si rende per niente conto di quanto sia stronzo.

Mi sento imbarazzato per lui.

© I Soldi Degli Altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.