La volta in cui Ambrosetti si beccò il Covid

Dovesse piacerti questo pezzo, per favore spargi la voce.

In fondo c’era d’aspettarselo.

In fondo era prevedibile.

Ambrosetti a giugno si becca il Covid. Non è vaccinato e ha una certa età: lo prende brutto.

Novanta giorni in ospedale, di cui due in terapia intensiva intubato e sedato.

Prima di essere messo in coma farmacologica aveva mandato un ultimo messaggio via telefonino a moglie e figli. Non era sicuro del risveglio.

Si è risvegliato.

È uscito dall’ospedale.

Adesso sta bene.

Direi che è tornato quello di prima.

Mi diceva un amministratore di uno dei suoi hotel preferiti a Lugano, che l’altro giorno (l’altra notte direi) ha prenotato tre, dicasi tre, stanze distinte, in ognuno delle quali ha messo una squillo d’alto bordo.

C’è chi, di fronte a incontri troppo ravvicinati con il creatore, si riforma.

Altri trombano.

© I Soldi Degli Altri

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: